Oppido Lucano: Tesoro nascosto nel cuore della Lucania

Francesco Centorrino

Oppido Lucano

Oppido Lucano, situato tra i maestosi picchi dell’Appennino Lucano e le colline punteggiate di boschi, offre una ricca esperienza storica, artistica e gastronomica. Questo borgo incantevole in provincia di Potenza, situato a 670 metri sul livello del mare, è un luogo che merita sicuramente di essere scoperto. In questo articolo, esploreremo i suoi tesori nascosti e le sue attrazioni più affascinanti.

1. Visitare il Convento di Sant’Antonio ad Oppido Lucano

Uno dei gioielli architettonici di Oppido Lucano è il Convento di Sant’Antonio, costruito nel 1483. Questo luogo è un tesoro di opere d’arte, con due chiostri e una chiesa che ospitano prelibatezze artistiche, tra cui un organo del 1600, un trittico e un polittico realizzati da Antonio Stabile, numerosi dipinti e tavole. All’interno, i saloni sono affrescati da Giovanni Todisco, pittore del Cinquecento, con scene tratte dal Vecchio e dal Nuovo Testamento, così come raffigurazioni della storia di San Francesco e di altri santi francescani.

2. Ammirare la chiesa rupestre di Sant’Antuono

A Oppido Lucano, potete visitare l’antica chiesa rupestre di Sant’Antuono, che conserva un ciclo di affreschi preziosi risalenti al XIV secolo. La chiesa si trova in contrada Pozzella ed è raggiungibile attraverso un caratteristico acciottolato a serpentina che la collega alla Chiesa dell’Annunziata. Gli affreschi di Sant’Antuono sono unici tra le chiese rupestri lucane poiché raffigurano scene della vita di Cristo tratte dai vangeli apocrifi.

3. Una passeggiata nel centro storico di Oppido Lucano

Il centro storico di Oppido Lucano conserva le sue origini medievali ed è un luogo da esplorare a fondo. Durante la vostra passeggiata, potrete scoprire i resti dell’antico castello normanno, palazzi nobili con imponenti portoni, vicoli pittoreschi, scalinate, piazzette, fontane e panorami suggestivi. Non dimenticate di visitare la Chiesa Madre dei SS. Pietro e Paolo, la più antica del paese, la cui fondazione risale alla metà dell’XI secolo.

4. Scoprire la cineteca lucana

La Basilicata ha una lunga storia di legame con il cinema, e a Oppido Lucano potrete esplorare questa connessione presso la Cineteca Lucana. Questo spazio espositivo permanente si trova nell’edificio storico de La Portella e ospita pellicole originali, documentari, locandine d’epoca, proiettori storici, e molto altro ancora. Si tratta di una biblioteca cinematografica di valore mondiale. Le visite sono possibili solo su prenotazione.

5. Assaporare il connubio tra tradizione e innovazione

Oppido Lucano è rinomato per i suoi prodotti gastronomici di alta qualità, tra cui pane, pasta fatta in casa, formaggi, insaccati e carne pregiata. Per un’esperienza gastronomica unica, vi consigliamo di visitare La Cascina Bistrot, un locale che offre una cucina che unisce tradizione e innovazione nella preparazione e nella presentazione dei piatti. In particolare, il bistrot è noto per i suoi deliziosi aperitivi, perfetti per degustare prodotti locali abbinati a bevande alcoliche e analcoliche.

6. Dormire nella Portella ad Oppido Lucano

Recentemente, un settore del centro storico di Oppido Lucano, situato vicino a una porta d’ingresso all’antico abitato chiamata “La Portella” e risalente all’XI secolo, è stato trasformato in un affascinante albergo diffuso. Questa struttura offre otto alloggi unici, ciascuno in perfetta armonia con lo stile architettonico locale. La struttura comprende anche un bistrot restaurant, un wine bar e biciclette a disposizione degli ospiti per esplorare il territorio circostante.

7. Partecipare alla Sagra della pasta a mano

La pasta fresca è un elemento fondamentale della gastronomia di Oppido Lucano, e questa tradizione culinaria è celebrata ogni anno con la Sagra della pasta a mano, un evento organizzato dal comune ogni agosto. Durante questa festa, le strade del centro storico si riempiono di stand dove è possibile gustare diverse varietà di pasta fresca preparate con sughi tradizionali. L’evento offre anche intrattenimento musicale ed eventi culturali.

8. Visitare il Museo Etnografico

Per una visione approfondita delle abitudini e delle suppellettili delle case di Oppido Lucano nel passato, vi consigliamo di visitare il Museo Etnografico, realizzato dall’Associazione L’Agrifoglio. Situato in via Unità d’Italia 33, il museo espone una collezione di oggetti e attrezzi utilizzati nella vita quotidiana della comunità dedicata all’agricoltura, all’allevamento e all’artigianato, oltre a una riproduzione accurata di una casa contadina dell’epoca.

9. Acquistare i prodotti tipici

Prima di lasciare Oppido Lucano, non dimenticate di fare scorta di prodotti tipici locali, tra cui la rinomata pasta artigianale. Potete scegliere tra il Pastificio La Lucana, specializzato nella produzione di pasta di grano duro lucano, o il Molino Pastificio Panificio Giganti, che coltiva, macina e trasforma varietà di grano duro di alta qualità. Fate una tappa anche al Caseificio Lioi, dove potrete acquistare deliziosi prodotti caseari ottenuti dal latte delle mucche alimentate con foraggio prodotto localmente.

10. Assistere alla Rappresentazione della Passione di Cristo

Se visitate Oppido Lucano durante il periodo pasquale, non perdete l’opportunità di assistere alla grande Rappresentazione della Passione di Cristo, che si svolge il Venerdì Santo. Organizzata dal Gruppo Recupero Tradizioni Locali, questa manifestazione unisce la devozione religiosa con la passione per il teatro, con scenografie elaborate e costumi sontuosi. Si tratta di un evento che richiede mesi di preparazione e coinvolge centinaia di residenti di Oppido Lucano come attori o figuranti.

In conclusione, Oppido Lucano è un luogo ricco di storia, arte e tradizione gastronomica che attende solo di essere esplorato. Questi dieci punti salienti sono solo l’inizio di un viaggio affascinante in questa pittoresca località della Basilicata. Preparatevi a scoprire un mondo di bellezza e cultura in un ambiente incantevole.

Rispondi