La Bella di Potenza

Booking.com

Bella è un borgo di 5.000 abitanti che sorge nel cuore del Marmo Platano Melandro, in provincia di Potenza, ed è circondato da una natura incontaminata.

Il Territorio di Bella è stato sempre abitato, fin da tempi immemorabili nei ”casali”, centri di vita e di lavoro sociali. Fu attorno all’anno 1000 che per sfuggire alle invasioni barbariche, gli abitanti si trasferirono dalle parti basse del territorio nell’area collinare e per maggiori garanzie di difesa, eressero un castello con una torre e altre torrette di vedetta con la visuale sui due torrenti che circondano il paese. Il castello aragonese di Bella ha subito un massiccio danno durante il terremoto del 1694 ma i cittadini lo hanno riportato a nuova vita dandogli un aspetto curioso, con un tocco contemporaneo che ne esalta la bellezza.

bella basilicata
Un bellissimo scorcio di Bella

Cosa vedere a Bella?

  • Senza dubbio la principale attrazione di Bella sono le sue chiese. Ecco un assaggio:

Chiesa Madre

Antichissima chiesa, che si presenta con dieci altari, quattro campane, di cui una di grandi dimensioni. Ha una pregiata statua lignea di San Giuseppe, scolpita nel XVII secolo; una pregevole croce astata d’argento del peso di otto rotoli, mirabilmente scolpita; due dipinti, su tela, raffiguranti l’Assunta e una Madonna fra i santi. Sono presenti, in un’apposita cappellina, i resti del martire San Pio e una teca contenente il suo sangue.

Chiesa di S. Maria delle Grazie

Ricostruita nel 1539. È stata riassestata di recente a seguito dei danni subiti durante il terremoto dell’80. Ha cinque altari, il maggiore in marmo e gli altri, in pietra intarsiata.

Chiesa di S. Vincenzo

Apparteneva alla Congregazione del Monte dei Morti ed è stata costruita nella seconda metà del XVIII secolo. Ha l’altare in pietra di pregio e su di esso un dipinto che completa il quadro artistico.

Interessanti anche i siti archeologici

La frazione Sant’Antonio Casalini, con la sua chiesetta, oggi quasi completamente crollata, è luogo importante dal punto di vista di ritrovamenti archeologici e di oggetti antichi che contribuiscono a fornire informazioni sulle origini di Bella. Negli anni settanta venne rinvenuta una fusarola che attesta la presenza dell’uomo fin dall’età preistorica; nel 1985 sono stati individuati resti di ambienti medioevali utilizzati come luogo di sepoltura individuale e collettiva senza corredo, e strutture sepolcrali. Nella stessa frazione, con sede nella locale scuola elementare, costruita dopo il terremoto, è possibile ammirare oggetti di antica fattura e antichi strumenti di lavoro tra cui vecchi mulini e aratri.

Quando visitare Bella?

È consigliato il mese di settembre, in quanto Bella è inserita nel percorso del “Cammino delle fiabe e delle stelle” che attraversa anche i Comuni di RaponeCastelgrande e Balvano.

Se amate il cinema invece, potrebbe essere una buona idea ottobre, mese in cui si tiene il Bella Basilicata Film Festival. Ogni anno, seguendo un tema diverso, il festival propone convegni, mostre, concerti e dibattiti a tema cinema, con un programma ricco di ospiti. Il festival è molto apprezzato anche per il suo impegno nell’accendere i riflettori sulla realtà meridionale e per dare ampio spazio alle produzioni lucane.

Un altro interessante scorcio del centro di Bella
Un altro interessante scorcio del centro di Bella

A pochi passi da Bella

Ad appena 15 km da Bella si può raggiungere Acqua del Faggio per trascorrere qualche ora piacevole nella natura. Qui troveremo il Bosco di Santa Croce, un luogo affascinante pieno di sentieri per lunghe passeggiate tra gli alberi, o per pasti tranquilli nelle aree ristoro attrezzate. Chi ama il trekking può anche percorrere il sentiero che supera il bosco e conduce fino alla vetta del Monte Santa Croce, dove sarà possibile ammirarne il panorama.

Sempre ad Acqua del Faggio, se viaggiate con i bambini, una tappa obbligatoria è la Casa delle Fiabe, casale nel bosco visitabile previa prenotazione. La struttura è stata totalmente dedicata alla narrazione del bosco e delle sue meraviglie, per avvicinare i più giovani ambientali in modo interessante e divertente. All’interno si trovano anche laboratori manuali e un teatro ottico, mentre all’esterno si svolgono spesso spettacoli e animazioni.

18 km da Bella si trovano le Cascate di San Fele, luogo naturale perfetto per una gita. Si tratta di un sistema di cascate generate dal corso del torrente Bradanello, che nasce dal cuore dell’Appennino Lucano. Le cascate in tutto sono quattro, e si possono raggiungere seguendo una serie di sentieri ben segnati: la cascata degli innamorati, “U Uattënnierë” che è la più conosciuta, la cascata a tre livelli e la cascata il Fossone, la più affascinante.

Le bellissime Cascate di San Fele
Le bellissime Cascate di San Fele

Cosa mangiare?

I piatti bellesi raccontano la natura che circonda il borgo. Pasta fresca fatta in casa (strascinati, manate, lagane, cavatelli), salumi e formaggi, funghi e tartufi (bianchetto e scorzone nero).

I nostri consigli

  • Il sapore del borgo, trattoria del centro storico di cucina tradizionale
  • Zarita, agriturismo immerso nella natura
  • Zest–Km 0, Ristorante pizzeria

Dove dormire?

Il modo miglior per immergersi nella vita tranquilla di Bella è alloggiare direttamente nel borgo, esperienza possibile grazie ai bed and breakfast aperti nelle case del paese. Suggestiva anche una dormita nei B&B a pochi passi dal castello aragonese.

Rispondi