Cosa vedere a Calciano: tutti i luoghi da visitare

Calciano fa parte di tutti i piccoli comuni lucani ricchi di storia antica e di elementi da visitare, soprattutto dagli amanti della tradizione. Come tutti i paesini limitrofi è infatti stato segnato dalla presenza del brigantaggio, nonché di tutto il patrimonio derivante dal periodo feudale. Vuoi scoprire nel dettaglio cosa vedere a Calciano? Continua la lettura!

Inquadriamo Calciano: le caratteristiche del territorio e il Parco Naturale

Uno scorcio di Calciano
Uno scorcio di Calciano

Calciano è un paesino collinare piuttosto tranquillo. Sorge su una collina situato a 425 metri sul livello del mare, al confine con la provincia di Potenza. Parte del suo territorio si spinge fino ai 1.151 metri, cosa che rende Calciano un paese estremamente amabile soprattutto dagli amanti della natura più classica e della tranquillità. Fra i lucani, Calciano è considerato come “la porta” del Parco Naturale di Gallipoli Cognato; è infatti uno dei cinque comuni all’interno dei quali si estende tale l’area naturale protetta.

Quest’ultima ospita la catena montuosa delle Piccole Dolomiti Lucane, ed è un ambiente particolarmente adatto a tutti coloro che cercano un po’ di relax nel pieno della natura. Sempre presso il Parco Naturale è possibile visitare il museo naturalistico, all’interno del quale ci si può gettare a capofitto ad approfondire tutti i tasselli che compongono il grande mosaico della flora e della fauna della riserva. Non mancano inoltre un orto botanico focalizzato appunto sulla flora costellata di biodiversità del posto, ma anche svariati laboratori con progetti ed iniziative tematiche.

Benché il sito si estenda per tanti comuni, vi consigliamo di tenerlo fra i primi punti su cosa vedere a Calciano poiché è anche possibile addentrarsi nelle oasi faunistiche del daino e del cervo, scorgibili con un po’ di fortuna. Sicuramente outsider, poiché presente nella zona del comune di Accettura, è il Museo dei culti arborei, assolutamente consigliabile sia per la vicinanza a Calciano che per l’immenso patrimonio etnoantropologico.

Cosa vedere a Calciano: i siti archeologici

Prima di addentrarci nelle meraviglie archeologiche di Calciano è doveroso rendervi nota di una tradizione popolare piuttosto curiosa. Per praticità, a livello popolare Calciano è diviso in tre sezioni: “Paese di sopra”, “Paese di mezzo” (questi due separati dal cosiddetto muraglione), e la “Tempa”, zona distaccata e sopraelevata rispetto al nucleo del paese.

La parte più antica di Calciano, ormai quasi non considerata nell’equazione, è il cosiddetto “Paese di Pede”. Addentriamoci nei posti da visitare a Calciano con i siti archeologici più classici. Se percorrete la strada che collega la Statale Basentana al centro abitato principale potrete notare infatti i resti di Caucium, il Paese di Pede, ovvero quello che rimane di tutte le componenti medioevali di Calciano. Fra questi sono scorgibili una fortificazione, la Chiesa della Rocca (sulla quale approfondiremo di seguito) e la Cinta di Santa Caterina.

Chiesa della Rocca a Calciano
Chiesa della Rocca a Calciano

La fortificazione, associabile anche a ciò che comunemente nell’immaginario richiama un castello, è di origine Osca ed è perforata da grotte un tempo abitate proprio dagli Osci. Tale popolazione, su cui vi invitiamo ad approfondire, era di origine indoeuropea e ha caratterizzato un linguaggio ibrido denominato proprio Osca per la sua unicità. Le grotte del sito archeologico sono attualmente in via di recupero.

Lungo il versante destro della fortificazione troviamo i ruderi della Chiesa della Rocca – opera voluta dai principi di Bisignano, che nel periodo feudale governavano Calciano –, mentre su quello sinistro, elevato rispetto al burrone della Venicella, è presente la Cinta di Santa Caterina. Questa è caratterizzata da due piccole grotte scavate nel tufo e affrescate con le icone di Santa Caterina, Lucifero e S. Antonio Abate, sebbene nessuna di questa sia particolarmente visibile e decifrabile.

Per quanto riguarda la Chiesa della Rocca è doveroso sapere che parliamo di un imponente luogo sacro le cui pareti erano arricchite da pregevoli affreschi, staccati e sottoposti a restauro conservativo. Le origini dei ruderi, secondo due antichi documenti bizantini risalenti rispettivamente all’anno 1002 e al 1023, sembrano poter far riferimento ai resti dell’antico monastero greco-bizantino della Théotokos intorno al quale venne costruito un piccolo borgo fortificato.

Cosa visitare a Calciano: i monumenti e luoghi di culto

Cosa vedere a Calciano per ciò che riguarda i monumenti religiosi? Innanzitutto troviamo la Chiesa della Rocca, di tipologia normanna e risalente ad un periodo storico associabile al XIII e al XIV secolo. Questo luogo sacro è probabilmente appartenuto ai monaci di un convento, attualmente frantoio (Chiusa del Trappeto), collegato direttamente alla chiesa.

Segue inoltre l’importantissima Chiesa Matrice di San Giovanni Battista, della quale costruzione non si hanno attualmente per assenza di documenti e testimonianze informazioni precise. Dalle ricostruzioni storiche pare essere edificata sull’antica chiesa in onore di Maria SS. Della Serra. Al suo interno sono custoditi gli affreschi provenienti dalla Chiesa della Rocca fra i quali spiccano le immagini della Vergine, svariati Santi, l’Eterno Padre e la Madonna con Bambino.

Chiesa Matrice di San Giovanni Battista
Chiesa Matrice di San Giovanni Battista

Non mancano anche una Sedia Presidenziale, risalente al Settecento, e un crocifisso in rame in stile bizantino molto caratteristico, realizzato invece nel lontano Trecento.

E ancora: non manca anche una splendida scultura di Nicola Pisano risalente al 1300 dedicata all’Annunziata, protetta sotto teca. Nella carestia è invece custodito con cura anche un crocifisso di legno Policromo, scultura dei Francescani meridionali, mentre nell’abside è presente il Trittico olio su tavola della Madonna con il bambino, opera firmata da Bartolomeo da Pistoia nel 1503. Chiude la cerchia dei luoghi da visitare a Calciano in ambito ecclesiastico la Chiesa di S. Maria a Serra Cognato. Più distante dal centro storico, in località Tremolo, questa chiesa del 1100 è visitabile e fondata da San Giovanni da Matera.

Manifestazioni, tradizione e folclore di Calciano

Calciano non è solo luoghi da visitare, ma anche da vivere in prima persona. A tal proposito vi diamo qualche consiglio prezioso su quelle che sono le manifestazioni e le tradizioni di questo paesino. Fra gli eventi di Calciano da evidenziare ricorre senza ombra di dubbio la celebrazione di Sant’Antonio da Padova. Questa si svolge il 13 giugno, con una processione che attraversa tutto il paese e che vede la statua del santo accompagnata dai suoi fedeli durante il tragitto.

Un altro evento ricorrente a cui partecipare dal vivo è il Carnevale. A Calciano, dal 10 al 14 febbraio, è infatti possibile partecipare a tutti gli eventi allegorici previsti di anno in anno, fra i quali la ricorrente Caccia della Befana. Si tiene anche una sfilata di maschere con trasporto su carro del fantoccio di Carnevale e della consorte Quaremma, processo a Carnevale e falò conclusivo. Questo è un evento particolarmente comune al Sud, che ogni comune vive in formati leggermente diversi.

Durante l’estate gli eventi di Calciano mirano di più alla spensieratezza: potrete partecipare infatti in agosto ad un evento enogastronomico di rilievo come la Sagra delle sette frittate, oppure lanciarvi all’avventura e alla spensieratezza grazie alle Olimpiadi del bosco con sci d’erba, una manifestazione del tutto unica nel suo genere. Sempre durante il corso di tutta l’estate, in base al periodo, è possibile vivere delle serate all’aperto con canti, balli, sagre e rassegne di pittura e fotografia, a rotazione in base alla disponibilità degli artisti locali.

A settembre invece, per tutti gli amanti del superfood naturale, troviamo l’evento delle città del miele dove più comuni, fra cui Calciano, si incontrano per promuovere quelle che sono le imprese locali che si occupano della produzione di miele delle più disparate tipologie, anche molto pregiati. Chiude il ciclo delle cose da vedere a Calciano come eventi la Festa patronale, che si tiene ogni 7 ed 8 settembre.

Un paese fatato

Piccolissimo, quasi disabitato ed immerso in una natura verdeggiante, Calciano vanta tantissime cose da vedere per passare un weekend molto slow e per rivivere un pezzo d’Italia che ancora sorride al passato. Se vuoi riscoprire la spensieratezza delle cose semplici e se vuoi fuggire per qualche giorno dalla frenesia della modernità, Calciano ti saprà rigenerare come pochi paesini sapranno fare.

Rispondi