Guida completa alle 10 cose da fare e vedere a Cersosimo

Francesco Centorrino

Cersosimo

Se stai cercando una destinazione affascinante e fuori dai percorsi turistici tradizionali, Cersosimo è la scelta perfetta. Questo grazioso borgo medievale in provincia di Potenza e situato nella Valle del Sarmento, ai piedi del Massiccio del Pollino, offre un’esperienza autentica e unica. Con soli 539 abitanti, Cersosimo ti permette di immergerti nella dimensione più intima e slow della Basilicata. Scopri le 10 cose da fare e vedere in questo incantevole angolo d’Italia.

1. Passeggiare nel centro storico di Cersosimo

Il centro storico di Cersosimo è un luogo incantevole che puoi facilmente esplorare a piedi. I suoi stretti vicoli pittoreschi ti condurranno alla piazza centrale, situata vicino alla Chiesa Parrocchiale. Mentre passeggi tra le case e i palazzi nobiliari risalenti ai secoli XVIII e XIX, ammira i portali in pietra e legno che adornano queste strutture. Il tessuto urbano di Cersosimo riflette uno stile rinascimentale barocco con tracce del suo passato medievale.

2. Ammirare Palazzo Valicenti

Palazzo Valicenti è un gioiello architettonico risalente al XVII secolo ed è il più antico edificio nobiliare di Cersosimo. Appartenuto alla famiglia Valicenti, il palazzo si presenta con una pianta quadrata e dettagli che testimoniano l’arte dell’epoca, tra cui un suggestivo portale in pietra scolpita e cancelli in ferro battuto. Le splendide inferriate in ferro e ghisa riflettono lo splendore dell’artigianato locale del tempo.

3. Visitare il Museo archeologico greco-lucano

Sul sito dell’ex Chiesa della Madonna di Costantinopoli, risalente al XIX secolo, troverai il Museo archeologico greco-lucano. Questa esposizione presenta una collezione di copie dei reperti più celebri rinvenuti nella Basilicata sud-orientale. Il museo offre un prezioso viaggio nel passato antico della regione e arricchisce le attrattive archeologiche di Cersosimo.

4. Scoprire l’Acropoli greco-lucana

Nella località di Monte Castello, puoi esplorare l’area archeologica che ha rivelato i resti di un’Acropoli greco-lucana. Questa area si trova in uno stato di conservazione eccellente, e gli scavi hanno portato alla luce una parte delle mura costruite dai Greci. Oltre ai resti strutturali, sono stati trovati reperti come monete, vasellame e utensili, che testimoniano le diverse epoche di occupazione, dall’età del Bronzo al periodo Lucano.

5. Assaggiare gli spumini di Cersosimo

Tra le delizie della gastronomia tradizionale di Cersosimo, non puoi perderti gli spumini. Questi piccoli dolcetti bianchi meringati, preparati con albumi e noci, sono irresistibili per la loro consistenza friabile e il sapore dolciastro, con un tocco di burro. Originariamente creati per occasioni speciali come battesimi e comunioni, ora sono disponibili tutto l’anno. Gli spumini di Cersosimo sono riconosciuti come prodotti agroalimentari tradizionali italiani (PAT) grazie alla loro preparazione artigianale e al gusto straordinario.

6. Gustare i sapori tipici di Cersosimo

La cucina di Cersosimo offre i sapori tradizionali della montagna, che caratterizza questa regione. Non perderti la pasta fresca fatta in casa, condita con mollica, pasta aglio e olio con peperoni rossi. I piatti a base di carne, come salsicce e soppressate, sono deliziosi, così come i prodotti caseari locali come pecorino, ricotta, cacioricotta e caciocavallo, da accompagnare con pane casereccio e focacce. Anche se il paese è piccolo, puoi trovare alcuni ristoranti deliziosi, oppure puoi esplorare le trattorie vicine a San Paolo Albanese per assaporare la cucina locale.

7. Scattare una foto al gafio di Cersosimo

Per una foto ricordo unica di Cersosimo, dirigiti verso gli angoli più remoti del paese, dove troverai una particolarità architettonica chiamata “gafio”. Questi tunnel in pietra sembrano corridoi, ma in realtà sono vere e proprie porte d’accesso al centro storico. Risalenti al XIII secolo, ci sono due gafio a Cersosimo, uno nella parte alta del borgo e uno nel cosiddetto “quartiere dei Turchi”. Queste strutture sono tesori architettonici da immortalare.

8. Visitare le chiese di Cersosimo

Durante la tua passeggiata attraverso il borgo di Cersosimo, dedicati anche alla visita delle sue chiese. In particolare, la Chiesa Parrocchiale del XV-XVI secolo, situata in Corso Plebiscito, è un’opera imponente con una pianta a croce latina e un importante organo dell’800 realizzato da Michelangelo Colameo. Nella zona più alta del paese, puoi scoprire i resti della Chiesa di Costantinopoli, che risale al XIX secolo.

9. Scoprire i resti del monastero basiliano

Si dice che Cersosimo debba il suo nome a un monastero basiliano dell’XI secolo dedicato a Santa Maria di Kir-Zosimi. Questa struttura è stata il nucleo intorno al quale si è sviluppato il paese attuale. Oggi, vicino all’ingresso del vecchio paese, puoi ancora scoprire i resti del monastero basiliano di Kir-Zosimi. Questo edificio si distingue per la sua muratura unica, realizzata con pietre di varie dimensioni legate con malta di calce, rappresentando una preziosa traccia del monachesimo basiliano in Basilicata.

10. Praticare attività outdoor nei dintorni di Cersosimo

La posizione strategica di Cersosimo lo rende una base ideale per esplorare alcune delle zone più belle del Parco Nazionale del Pollino. La valle del Sarmento, dove si trova il borgo, si trova nel cuore del parco. Da Cersosimo, puoi organizzare escursioni in alta quota verso il Monte Pollino o goderti passeggiate tra i boschi a piedi, a cavallo o in mountain bike. Le colline circostanti offrono panorami incantevoli e la possibilità di immergerti nella natura incontaminata, tra le pinete, la Colonia Montana e il Capillo.

In conclusione, Cersosimo è un gioiello nascosto che offre una ricca storia, delizie gastronomiche e paesaggi mozzafiato. Queste 10 esperienze ti permetteranno di scoprire appieno la bellezza di questo borgo medievale. Planifica la tua visita e preparati a innamorarti di Cersosimo e della sua autenticità. Buon viaggio!

Rispondi