Castronuovo di Sant’Andrea: Un Viaggio nella Cultura Lucana

Francesco Centorrino

Castronuovo di Sant'Andrea

Castronuovo di Sant’Andrea, incastonato a 650 metri di altitudine nella suggestiva Valle del Sinni, è un tesoro della provincia potentina, nascosto che sembra sorgere direttamente dalle rocce su cui è costruito. Questo affascinante borgo lucano di 969 abitanti prende il suo nome da Sant’Andrea Avellino, un asceta nato qui nel 1521 e ancora oggi venerato dalla comunità. Nel periodo compreso tra il 21 agosto 2021 e il 21 agosto 2022, il paese ha celebrato il 500° anniversario della nascita di Sant’Andrea con festività straordinarie.

Alla Scoperta del Centro Storico di Castronuovo di Sant’Andrea

Il cuore di Castronuovo di Sant’Andrea batte nel suo centro storico, un affascinante labirinto di stradine strette, archi e portali decorati. Durante una passeggiata tra queste vie, incontrerete gioielli architettonici come il Palazzo Marchesale e la Cappella di Sant’Andrea, dedicata al santo patrono del paese. Proseguendo, scoprirete la Chiesa Madre di Santa Maria delle Nevi, risalente al 1600, l’ex Palazzo Speziale e Piazza della Civiltà Contadina, adornata da opere in ferro di Pietro Consagra e Mino Maccari.

Museo Internazionale della Grafica: Un Tesoro Artistico a Castronuovo di Sant’Andrea

Nel suggestivo Palazzo dell’Antico Municipio, troverete il Museo Internazionale della Grafica (MIG), inaugurato nel 2011. Questo museo ospita una straordinaria collezione di oltre 2.500 opere grafiche di celebri artisti contemporanei del XX secolo, italiani, lucani e internazionali. Grazie a donazioni preziose, il MIG organizza mostre, incontri, video-proiezioni e laboratori creativi durante tutto l’anno.

Museo di Sant’Andrea Avellino: Un Tributo al Santo

Castronuovo di Sant’Andrea è profondamente legato a Sant’Andrea Avellino, e all’interno della cappella di San Filippo, in via Matteotti, si trova un museo dedicato al santo. Qui sono raccolte reliquie, libri, dipinti, documenti originali e altro materiale prezioso che narra la storia e la teologia di Sant’Andrea. Le esposizioni del museo includono opere provenienti da collezioni private e dalla Chiesa Madre, e vengono costantemente arricchite grazie alla collaborazione di artisti contemporanei.

La Cappella di Sant’Andrea: Un Luogo di Devozione a Castronuovo di Sant’Andrea

La cappella di Sant’Andrea, eretta tra il 1652 e il 1684 per celebrare la beatificazione del santo, sorge nel luogo in cui nacque Sant’Andrea Avellino. All’interno, potrete ammirare l’altare in marmo intarsiato, una scultura lignea di Sant’Andrea risalente al 1800 e la Porta della Resurrezione, un portale d’ingresso realizzato nel 2013 dall’artista lucano Antonio Masini in occasione del terzo centenario della canonizzazione del santo di Castronuovo.

Le Delizie della Cucina Lucana

La gastronomia di Castronuovo di Sant’Andrea vi stupirà con i sapori autentici del passato. Tra le specialità locali, spiccano i maccheroni e i tagliolini fatti in casa, oltre alla rafanata, una frittata dal sapore deciso a base di uova, pane, formaggio e rafano. Il pane locale ha un ruolo di grande rilevanza, ma il piatto più famoso è l’insalata gialla e rossa, preparata con pomodorini gialli e rossi, olio extravergine di oliva, aglio e peperone secco di Senise. Questo piatto è un’autentica espressione della tradizione contadina e fa parte dell’elenco PAT (Prodotti Agroalimentari Tradizionali) per la sua storia e il suo gusto unico.

Museo Internazionale del Presepio “Vanni Scheiwiller”

Un’altra tappa interessante è il Museo Internazionale del Presepio “Vanni Scheiwiller”, che ospita circa 200 presepi donati dall’editore milanese Vanni Scheiwiller e dall’artista polacca Alina Kalczyńska, in omaggio all’amore che il marito di quest’ultima aveva per il borgo. Questa eclettica collezione si è arricchita nel corso degli anni grazie alle donazioni di artisti e artigiani provenienti da tutto il mondo, rendendo il museo un luogo affascinante da esplorare.

Murales che Raccontano la Vita di Sant’Andrea

Nel 2014, alcune pareti di Castronuovo di Sant’Andrea sono state impreziosite da colorati murales, dedicati alla vita del santo nativo. Questi murales narrano tre episodi significativi della vita di Sant’Andrea, come il suo rapporto con i giovani e i miracoli da lui compiuti. Questi affreschi sono opere d’arte che aggiungono ulteriore fascino al paese.

Escursione al Fosso dello Strittolo

Appena fuori dal paese si trova il Fosso dello Strittolo, una piccola gola caratterizzata dalla straordinaria combinazione di vegetazione, rocce e acqua. Questo canyon affascinante presenta pareti rocciose verdi e affascinanti formazioni di stalattiti. Dopo aver superato la gola, vi attende una suggestiva cascata. Periodicamente, il CAI di Lagonegro organizza escursioni guidate in questa zona, che richiede l’accompagnamento di esperti e l’attrezzatura adeguata per essere esplorata in sicurezza.

Un Pranzo Indimenticabile da Lo Chalet – Sella del Titolo

Immerso tra i boschi che circondano Castronuovo di Sant’Andrea, il ristorante Lo Chalet – Sella del Titolo offre un’esperienza gastronomica unica. Qui potrete assaporare piatti innovativi che valorizzano i prodotti locali, rigorosamente selezionati. Non perdetevi le pizze “gourmet” con gusti originali come formaggio, noci e pere, mentre vi godete la natura circostante.

Conserve Di Sirio: Golose Souvenir

Un souvenir delizioso da portare a casa dal vostro viaggio a Castronuovo di Sant’Andrea sono le ottime conserve Di Sirio. Queste conserve sono il fiore all’occhiello di un’azienda agricola a conduzione familiare che utilizza solo prodotti provenienti dai suoi 6 ettari di frutteto. Sono disponibili in cinque linee diverse, tra cui quella classica, gourmet, benessere, dessert e senza zucchero. Tutte le conserve sono preparate artigianalmente, senza l’aggiunta di additivi, garantendo una qualità biologica e autentica.

In conclusione, Castronuovo di Sant’Andrea è un gioiello nascosto che offre una profonda immersione nella storia, nella cultura e nei sapori autentici della Basilicata. Questo borgo affascinante è una destinazione imperdibile per coloro che desiderano vivere un’esperienza autentica nel cuore della Lucania.

Rispondi